15 aprile 2013. Pranzo al ristorante vegetariano “Chaegundaam” di Seul

Ho dovuto porre molta attenzione nel procedere sulla rampa, che conduce al garage sotterraneo. Stranamento l’ingresso è ad una sola corsia; la curva, proprio in fondo alla rampa, non è tra le piu facili, poi, appena si entra nel garage, ritrovo spazi ampi, dove, comodamente, possono viaggiare due automobili in direzioni opposte. Non ho notato tante automobili parcheggiate, così, dopo aver sistemato l’automezzo, mi son servito dell’ascensore, per recarmi al piano terra. La porta si è aperta a fianco del’ingresso principale e sono stato accolto da una sorridente signora, vestita con un abito total black con dei ricami dorati: molto elegante e troppo sorridente. Il ristorante ha una forma circolare e, nel centro, hanno creato una struttura in legno, dove è possibile entrare, scostando una tendina. Pochi tavoli, posti ai lati, perché lo spazio centrale e destinato ai camerieri, che recano i piatti su dei carrelli a due piani. Il mio cameriere e il signor Jung. In Corea, tutti coloro che lavorano a contatto con il pubblico, hanno “tutti” una targhetta appuntata sulla parte sinistra della divisa. Il nome e cognome è scritto nell’alfabeto coreano e, ben visibile, nell’alfabeto maiuscolo latino. Il signor Jung avrà una cinquantina d’anni; dai modi calmi, compassati e cortesi; si preoccupa di fornirmi un menu in inglese, perché possa sapere cosa mangerò. Dietro di me, due signore ingioiellate, eleganti ed in vena di chiacchiere e risa sono quasi giunte al termine del pranzo; infatti, lasceranno il tavolo qualche minuto dopo il mio arrivo.   Un pulsante rosso, posto al lato di ogni tavolo, è lo strumento attraverso il quale, per ogni evenienza, si può chiamare il cameriere. Pur non essendo un appassionato di verdure, il modo con cui sono state cucinate mi ha davvero sorpreso e conquistato per la bontà, la delicatezza e l’infinita gamma di sapori, profumi ed odori. Non solo: alla fine del pranzo, ero davvero appagato e, soprattutto, con la testa libera, come se non avessi mangiato!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close