«Il Re ed i due cervi» dalle «Favole» di Esopo

Una volta un Re cavalcava accompagnato dal corteo reale in una contrada popolata da molti cervi. Fu incuriosito particolarmente da due bestiole, che parlavano tra loro a distanza assai ravvicinata. Si diresse verso la coppia, per chiedere quale fosse il tono della conversazione e perché poi fossero così vicini tra loro, isolati oltretutto dagli altri simili. Interrogati, uno dei due cervi rispose che desideravano parlare tra loro nel modo, che avevano stabilito, consigliandosi amabilmente.

Quando vediamo due persone appartate, che parlottano a bassa voce tra loro, spesso temiamo che stiano parlando male di noi. Allora iniziamo a congetturare, a creare mille e più pensieri, che rotolano nella nostra mente, distraendoci e soprattutto creando possibili ed ingiustificate antipatie. Esercizio completamente inutile e deleterio. Insomma a volte, in situazioni similari, si dovrebbe sospettare di meno, per non creare dannose tensioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close